In fila alla cassa del supermercato.
La tipa che mi precede stacca lo sguardo dal cellulare, spinge il cestello con l’esterno dello stivaletto tacco 25 (sparo numeri a caso, perché per me esistono solo tre tipi di scarpe, quelle da ginnastica, i trampoli che vanno dal tacco 2 ai modelli scaleo per gli stipetti alti della cucina, e le ciabatte pelose da casa).
Infila l’auricolare rosa all’orecchio e con aria scocciata preme invio.
“Sono in fila, muoviti!”
Pausa.
“Non me ne frega un cazzo se hai la macchina messa male, sbrigati che tra un po’ tocca a me!”
Altra pausa.
“Che palle che sei, ho detto vieni qui subito!”
Riattacca, toglie l’auricolare e rimane immobile, mentre il rullo della cassa si svuota più velocemente del previsto.
Da una spinta svogliata al cestello e inizia ad agitarsi, rinfila l’auricolare e preme invio.
“Si può sapere dove cazzo sei?”
Pausa.
“Ma dentro dove?”
Pausa.
“Ma come non mi vedi cretino! Sono alla 15!”
Riattacca.
Ed ecco un giovanotto dal bell’aspetto correre verso di noi.
Chiede permesso e raggiunge la donna.
“Potevi intanto mettere le cose in cassa amore”
“Amore un cazzo! Se ti dico di venire subito, devi venire subito!”
Li immagino a letto insieme e mi scappa da ridere.
Mentre lui sistema le buste di insalata si giustifica timido
“Ma avevo la macchina messa male tesoro”
“Non me ne frega nulla! Dammi le chiavi!”
Gliele strappa dalla tasca del cappotto.
”Ti aspetto fuori!” e va via con aria furiosa senza voltarsi.
Il tipo si gira verso di me per sistemare il cestino in angolo.
Mi sorride e, io no.
Probabilmente non ha digerito la cosa perché si gira ancora una volta a guardarmi, sorride ancora e, io no.
Tira fuori la tessera fedeltà, la cassiera la striscia, la rimette nel portafoglio e si gira ancora a guardarmi.
Sorride e io a quel punto son costretta a dir qualcosa, mio malgrado.
“Mi toglie una curiosità?”
Il suo viso assume una certa aria di perplessità, “Che cosa?”
“Volevo chiederle…ma la sua ragazza ce l’ha di traverso o ce l’ha normale come tutte noi?”
Adesso sorrido anche io.
E anche la Cassiera della 13, quella della 14 e della 15 e della 16 e pure la vecchietta dietro di me.
Lui no.

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *