La Certosa di Firenze

Ho sempre immaginato i preti di clausura come persone tristi. Uomini bassi, un po’ ricurvi, adombrati. Probabilmente persino un po’ folli nella loro solitudine.  Forse parlavano da soli nell’oscurità della loro piccola cella spoglia, cercavano compagnia rifugiandosi nel suono della loro stessa voce; la loro vista era messa a dura prova dal tremolio della luce … Continue Reading